Terminale Cinema - Casa del Cinema di Prato

NOAH BAUMBACH. UN "INDIE" AGLI OSCAR

Da martedì 18 febbraio, torna al Terminale Cinema il Mabuse Cineclub. I primi appuntamenti della stagione febbraio-maggio 2020 sono con la rassegna dedicata a Noah Baumbach, candidato all'Oscar con il suo "Storia di un matrimonio". Il programma: 18 febbraio - STORIA DI UN MATRIMONIO - MARRIAGE STORY (USA, 2019)* v.o.sott.; 25 febbraio - FRANCES HA (USA, 2012)*; 3 marzo - GIOVANI SI DIVENTA (USA, 2014)*. Seguiranno altre due rassegne dedicate la prima (dal 10 marzo al 7 aprile)  a Werner Herzog, la seconda (dal 14 aprile al 5 maggio) alla fantascienza americana anni '50. Inizio spettacoli ore 21:15. Posto unico 5€ - (*6€ per prime visioni e restauri) - Ingresso riservato ai possessori di tessera associativa Mabuse 2020 (1€) NOAH BAUMBACH , UN "INDIE" AGLI OSCAR Figlio dello scrittore e critico cinematografico Jonathan e della critica Georgia Brown, Noah (classe 1969) incarna perfettamente il modello dell’autore indipendente, nato e allevato negli ambienti liberal di New York. Debutta come regista nel 1995 con il film Scalciando e urlando, di cui è anche sceneggiatore ed interprete. Ma la grande svolta arriva nel 2004, quando Wes Anderson lo coinvolge per la stesura della sceneggiatura de Le avventure acquatiche di Steve Zissou. L'anno successivo arriva anche la prima nomination agli Oscar per Il calamaro e la balena. Nonostante sia amato anche dalle grandi star di Hollywood, Baumbach ha costruito col tempo un cast di attori fidati che partecipano a vario titolo ai suoi film. Alcuni di loro sono diventati interpreti fissi (Adam Driver), con altri, invece, ha addirittura iniziato una vera e propria relazione. È il caso di Greta Gerwig, regista a sua volta (Lady Bird, Piccole Donne), nonché sua attuale compagna e collaboratrice creativa anche per il loro prossimo live-action movie dedicato alla bambola Barbie. Spesso paragonato a Woody Allen per stile e tematiche (i suoi film hanno spesso al centro complicate relazioni sullo sfondo della metropoli), Baumbach ha tuttavia dichiarato il suo amore esplicito per un altro regista: Eric Rohmer. Rohmer è stato infatti il nome di battesimo scelto per il suo primo figlio, nato nel 2010 dalla relazione con Jennifer Jason Leigh. Coi 3 film scelti per questa rassegna cerchiamo di fare luce sulla poetica di un autore nascente, destinato a scrivere in futuro pagine importanti del cinema indie e d'autore d'oltreoceano.  
Archivio anni passati:

Casa del Cinema di Prato Società Cooperativa arl
via Carbonaia 31 - 59100 Prato (PO)
C.F. e P.IVA 02211590977
tel. 0574 37150
email: posta@terminalecinema.com

Europa Cinemas

Webtic